Su questo sito utilizziamo cookie, nostri e di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta la nostra informativa sui cookie. Chiudendo questo elemento o interagendo con il sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies del sito web www.aarontechnology.it ed i suoi sottodomini.

Le stampanti laser e le fotocopiatrici/multifunzione possono emettere piccole quantità di polvere, composti organici volatili (COV) e ozono. Con i sistemi di trasferimento con rulli, delle apparecchiature di ultima generazione, le emissioni di ozono sono state ridotte quasi a zero.Per quanto riguarda le polveri, queste possono essere sia di carta che di toner, anche se la percentuale delle polveri di carta è di gran lunga maggiore. I COV possono derivare dalla fusione del toner, ma anche dal riscaldamento della carta.

Nonostante i produttori di stampanti compiano grandi sforzi per rispettare le normative di salute e sicurezza nella produzione di apparecchiature e consumabili a norma per i propri clienti, sono stati scritti molti articoli che trattano di potenziali emissioni di particelle nocive e dell’impatto inquinante sugli utenti che le stampanti laser hanno nell’ambiente lavorativo, in particolare a causa delle particelle ultrasottili.

La società Dexwet ha immesso recentemente sul mercato una tipologia di filtri che limita il problema dei COV. Si tratta di filtri che si collocano sulle aperture di areazione delle ventole delle stampanti e che catturano le polveri sottili e ultrasottili. La particolare tecnologia di questi filtri permette comunque all’aria di uscire senza ostacoli e senza causare un aumento significativo della temperatura interna delle apparecchiature stesse.

Per maggiori ragguagli su questo articolo o per far installare i filtri sulle vostre stampanti, potete contattare il nostro Servizio Clienti servizioclienti@aaronweb.it